Kosovo dicembre 2012, eventi giovanili

Immagine

Kosovo dicembre 2012, eventi giovanili

Dicembre 2012, eventi giovanili. Da sinistra: Inaugurazione nuova sede degli scout di Prizren; spettacolo a Gjakova a cura dell’ong “Prosperiteti”; concerto di fine anno alla Scuola di Musica di Prizren.

foto di Anna Tosetti

Annunci

Incroci

Che due rette parallele non si incontrano mai mi è stato insegnato diverso tempo fa.

Continuano, ognuna per la propria strada e direzione, in un rettilineo fatto di un insieme di punti che non lasciano spazio ad alternative e che, seppur parte della stessa retta, non hanno molte occasioni di incontro: continuano ad esistere e partecipare ad un retta di cui ignorano la remota origine e di cui ignorano l’esistenza o meno di una fine…

Gli assiomi sono verità inconfutabili, ma è anche vero che la soggettività restituisce margini di azione che, attraverso voli pindarici, permette a punti ordinatamente posti lungo una linea retta, deviazioni improbabili le quali, legandole a strane formule spazio-temporali, creano incroci direzionali inspiegabili. Continua a leggere

Dopo nove mesi

Nentor, novembre, come nove sono i mesi che sono passati da quando sono arrivata in Kosovo, il tempo in cui le cose fanno capolino. Il mese in cui da certe riflessioni non si può scappare, perché, semplicemente, nascono.

E così novembre mi ha offerto una serie di situazioni che non riesco a riassumere, di spunti, che non riesco a mettere in ordine.

Di due cose non amo parlare, da un po’ di tempo a questa parte: della politica (in generale) e della guerra (del Kosovo). Per svariati motivi, primo fra tutti, non mi sento all’altezza di poter contribuire al dibattito, non mi sono ancora fatta un’idea né sul primo né sul secondo argomento e preferisco ascoltare ciò che hanno gli altri da dire in proposito. Ma pare che il dribbling degli argomenti scomodi a novembre non sia possibile. Continua a leggere

L’altro lato di Mamusha, il retroscena

Mamusha, 15 ottobre. Retroscena di un’inaugurazione. Nella fattispecie quella della cooperativa “Nektar” di cui avrete già letto e sentito parlare (in caso contrario http://www.ipsia-acli.it/ipsia/it/component/k2/item/1169-kosovo-degustazione-di-miele-e-visita-alla-cooperativa-nektar-nel-giorno-dellinaugurazione). Il giorno prima è il giorno dei preparativi, del riepilogo (o riepiloghimi), del “c’è tutto?”, del come disponiamo le cose, della spolverata (più o meno finale) ai locali della cooperativa e dell’affissione dei manifesti, della prova del video. Tu speravi di andare a Mamusha a fare tutto ciò?!? Ma l’imprevisto, intrinsecamente balcanico, è dietro l’angolo, anzi dietro la cooperativa, o meglio sotto. Davanti ai locali della cooperativa c’è un gran movimento di mezzi che portano piatti, teglie di baklava, tavoli, che vengono dirottati sul retro. Che siano per domani? Quanto fermento! Continua a leggere

Uno, due tre…1,739,825 (forse)

Settembre 2012, Anna decide che è il caso di mettersi a studiare Demografia, il 3 ottobre si avvicina, l’esame è corposo e lei lo sa che numeri, formule ed esercizi busseranno al suo cervello e con gran difficoltà entreranno nella sua testolina. Anna vive in Kosovo e sa che preparare gli esami non sarà un bel passatempo, soprattutto perché è settembre, fa caldo e qualcuno sta andando ancora al mare in Albania nei finesettimana. Dunque si immerge nello studio; la demografia è una scienza che si consolida nel corso del secolo scorso, tra i precursori c’è il solito Malthus che appare ad ogni suo esame a ricordarle che non ci sarà mai cibo per tutti. Nulla di particolarmente interessante, o di particolarmente nuovo, per ora. O meglio disciplina importantissima per capire come si evolve la società, confrontare le aspettative di vita alla nascita (trovando conferma che è nata dalla parte fortunata del globo) o per calcolare cose assurde (e un po’ tristi) tipo tassi mortalità generici dei matrimoni (ma non chiedetele cos’è che lei mica l’ha capito). Le fonti della demografia sono l’anagrafe, lo stato civile, i censimenti svolti in Italia ogni anno dal 1861. I censimenti? Aspetta un attimo, si ricorda anche in Kosovo c’è stato un censimento nel 2011 (il primo dopo l’indipendenza del 2008), di cui sono usciti solo i risultati preliminari. Molto discussi. Continua a leggere

Ritornare dalla vacanze…

Ritornare dalla vacanze il 9 di settembre e supporre che la restante parte del mese trascorrerà tranquillamente e gradualmente, tenendo conto della necessità di riassestamento dopo 11 giorni in Italia tra mare ed un traffico regolare in cui i segnali di precedenza vengono rispettati.

Andare a dormire il 10 sera e capire che è turbo sin dal primo secondo trascorso nuovamente in Kosovo. Continua a leggere