La bellezza di ogni giorno

Raccontare non sempre è semplice. Il racconto nasce più facilmente quando è in qualche modo legato a qualcosa di “straordinario”, inteso nel senso più letterale del termine: un evento non comune che stravolge ogni previsione. Al contrario, il racconto a volte si perde quando quello che vivi, pur speciale che sia, diventa sempre più “quotidiano”, quando fa parte delle tue giornate e diventa pienamente tuo.

Questo non perché non ci sia più niente da scoprire, da osservare o da capire, ma solo perché ogni emozione è un tassello in più di un puzzle che ormai ha preso la sua forma, solida, concreta e bellissima. Continua a leggere

Incroci

Che due rette parallele non si incontrano mai mi è stato insegnato diverso tempo fa.

Continuano, ognuna per la propria strada e direzione, in un rettilineo fatto di un insieme di punti che non lasciano spazio ad alternative e che, seppur parte della stessa retta, non hanno molte occasioni di incontro: continuano ad esistere e partecipare ad un retta di cui ignorano la remota origine e di cui ignorano l’esistenza o meno di una fine…

Gli assiomi sono verità inconfutabili, ma è anche vero che la soggettività restituisce margini di azione che, attraverso voli pindarici, permette a punti ordinatamente posti lungo una linea retta, deviazioni improbabili le quali, legandole a strane formule spazio-temporali, creano incroci direzionali inspiegabili. Continua a leggere

Dopo nove mesi

Nentor, novembre, come nove sono i mesi che sono passati da quando sono arrivata in Kosovo, il tempo in cui le cose fanno capolino. Il mese in cui da certe riflessioni non si può scappare, perché, semplicemente, nascono.

E così novembre mi ha offerto una serie di situazioni che non riesco a riassumere, di spunti, che non riesco a mettere in ordine.

Di due cose non amo parlare, da un po’ di tempo a questa parte: della politica (in generale) e della guerra (del Kosovo). Per svariati motivi, primo fra tutti, non mi sento all’altezza di poter contribuire al dibattito, non mi sono ancora fatta un’idea né sul primo né sul secondo argomento e preferisco ascoltare ciò che hanno gli altri da dire in proposito. Ma pare che il dribbling degli argomenti scomodi a novembre non sia possibile. Continua a leggere