Una domenica di maggio

Nel mondo della cooperazione è convinzione diffusa che il Mozambico sia un paese facile…E lo è!

….ma per chi??? Credo solo per noi che ci “eccitiamo” all’idea di rinunciare alle nostre comodità per un anno o due.

Qui non c’è guerra. I bambini non hanno le tipiche pancie gonfie con cui i giornalisti tendono a presentare l’Africa. I tassi di furti e rapine sono minori rispetto ad altri paesi dell’Africa Australe. E’ un paese ricco di paesaggi incantati, musiche e colori, il che contribuisce spesso a confonderlo con una di quelle fotografie dei cataloghi Valtour. E le spiaggie della costa sono piene di muscolosi surfisti sudafricani. Continua a leggere

Riflessione sulla libertà

Libertà di movimento. Questo è uno dei diritti di cui i cittadini della Bosnia Erzegovina si sentono maggiormente privati. Su due diversi fronti.

Il primo riguarda l’attesa della liberalizzazione dei visti che porterà all’entrata del paese nell’area Schengen, ma a tutt’oggi sempre e soltanto promessa (le ultime voci parlano del 2 giugno prossimo). Questa situazione pesa ancor di più dal momento che i paesi confinanti e tutti i cittadini bosniaci con passaporti serbi o croati non sono invece soggetti a tale restrizione. Continua a leggere

I cinquecento passi

Lunedì 26 si torna in Italia.
Tutti quanti. Qualcuno addirittura per votare.

Se ne va pure Giorgia, mia predecessrice (come Caspio si fa il femminile di predecessore?) in ACLI l’anno scorso qui a Scutari, ma anche precedente occupante della stessa stanza dove vivo io ora, nonché come se non bastasse, a detta di Ona, mio alter-ego al femminile.

Ona l’aveva conosciuta durante tutto l’anno scorso, e ci vede lungo (“Ona non perdona” dico sempre io). Continua a leggere

Scatti – La Boca, Buenos Aires (Argentina)

Foto di Beatrice Cassinelli
servizio civile a Santiago del Estero (Argentina)