“Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare?”

Nessuno ci impedisce di sognare e nessuno ci impedisce di trasformare quel sogno in realtà.

Tante troppe persone muoiono per un ideale di giustizia e verità. Ma muoiono invano? No.

Le loro storie sono le nostre, che lo vogliamo oppure no: “Anche se voi vi credete assolti siete per sempre coinvolti”.

Le loro storie sono un soffio di vento che ci scompiglia per un attimo, e apparentemente sembra che niente sia cambiato, sembra tutto uguale o a volte sembra che sia solo tutto peggiorato.

Sembra e in realtà non è così.

La loro forza, il loro coraggio, la verità che hanno saputo trovare e dare è viva sempre, permane nell’infinito dell’eternità.

La frase “Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare?” è di Rita Atria (Per ulteriori notizie consultare il sito: http://it.wikipedia.org/wiki/Rita_Atria), giovane ragazza morta suicida pochi giorni dopo l’uccisione di Paolo Borsellino, testimone di giustizia nel 1991, figlia di un mafioso Vito Atria ucciso dalle mafia nel 1985.

È una frase semplice, ma realisticamente vera; così vera che ci fa riflettere e soffermare sul profondo significato di queste parole: mondo onesto, impedire e sognare.

Esaminando il suo “io” più profondo e segreto, Rita ha trasformato il sentimento di vendetta, nato dopo la morte del padre, in una pura ricerca di giustizia, che lotta contro la mafia, contro la sua terra, la Sicilia dove l’omertà e la paura offuscano di nero la vita delle persone: “Prima di combattere la mafia devi farti un auto-esame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la mafia dentro di te, puoi combattere la mafia che c’è nel giro dei tuoi amici; la mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarci. Borsellino sei morto per ciò in cui credevi, ma io senza di te sono morta” (Rita Atria).

Ricercare la giustizia è agire, o meglio, è mettere in pratica la speranza di belle idee, di belle parole, di fantasiosi sogni che non hai mai creduto che potessero realizzarsi davvero.
A Palermo la nascita di “Radio Cento Passi” dimostra come l’onirica speranza di riuscire a cambiare qualcosa in questo mondo possa davvero trasformarsi in “concreta” realtà.

E così se qualcuno non conoscesse ancora questa radio vi invito a visitare il sito: http://www.radio100passi.net/.

“La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un inizio e avrà anche una fine”.
Giovanni Falcone.

Annunci

2 pensieri su ““Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...